Gay (omosessuale) - Che cos'è? Che cosa significa ?

Scopri il significato e la comprensione del concetto di omosessualità (gay) in questo articolo. Immergiti in un'esplorazione delle diverse dimensioni ed esperienze dell'identità queer.

Written by Alain VEST

Last published at: January 19th, 2024

Che cosa è ?


La parola gay si riferisce all'omosessualità o all'attrazione per lo stesso sesso. Questo è l'orientamento sessuale delle persone che hanno interesse sessuale per lo stesso sesso.

La parola gay si riferisce all'omosessualità o all'attrazione per lo stesso sesso. È l'orientamento sessuale delle persone che hanno interesse sessuale per lo stesso sesso.

Che cosa significa ?
L'omosessualità, in contrapposizione all'eterosessualità, descrive le relazioni romantiche e/o sessuali tra persone dello stesso sesso.

Essere gay significa essere attratti da persone dello stesso sesso piuttosto che da quelle del sesso opposto. Questa attrazione può essere di natura sessuale, emotiva, fisica e/o romantica.

Altri termini


Gay lesbica – Una donna che è sessualmente attratta da altre donne. Qualcuno la cui identità di genere è femminile e il cui orientamento sessuale è omosessuale.

Queer – Un termine generico usato per riferirsi a tutte le persone che non si identificano come eterosessuali. Qualcuno che non si sente (esclusivamente) attratto dal sesso opposto.

Bisessuale – Qualcuno che si sente attratto sia dal genere femminile che da quello maschile.

Omofobia – Pregiudizio contro le persone omosessuali.

Storia
Prima di evolvere verso il significato che ci è oggi familiare, il termine gay venne utilizzato, dal XII al XIX secolo, come sinonimo di felice, allegro, imperturbabile.

Il suo viso era triste e adorabile, con cose luccicanti, occhi luminosi e una bocca luminosa e appassionata, ma c'era un'eccitazione nella sua voce che gli uomini che si erano presi cura di lei trovavano difficile dimenticare: una compulsione a cantare, un sussurrato " Ascolta", una promessa che stava facendo cose allegre ed eccitanti proprio adesso e che cose allegre ed eccitanti si sarebbero profilate nell'ora successiva.
- Il grande Gatsby di F. Scott Fitzgerald, 1925 (estratto dal capitolo I)

Nel XVII secolo, il termine era associato alla promiscuità e al comportamento immorale, come la prostituzione e, per estensione, l'omosessualità.

La definizione del termine cambiò verso la fine del 19esimo secolo, ma l’omosessualità divenne la descrizione principale solo a partire dal 1960. Inizialmente era un aggettivo comune tra gli uomini per descrivere il loro orientamento sessuale, ma attualmente gay è usato da tutta la popolazione. Comunità LGBTQ+, indipendentemente dal genere.

Allo stesso modo, il dizionario Merriam-Webster definisce la parola in due modi:


di, relativo a o caratterizzato da attrazione sessuale o romantica verso persone dello stesso sesso.

di, relativo a o destinato a persone gay, lesbiche, bisessuali, transgender, ecc.

 

In una società occidentale profondamente omofobica, non appena la frase è stata associata a uomini omosessuali, ha immediatamente acquisito una connotazione peggiorativa. Fino al XX secolo, la parola "gay" era usata come sinonimo di "poco virile", "sciolto" o "impuro".

Per tutto questo tempo, l'omosessualità era considerata una malattia ed era persino elencata nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, un'opera di riferimento dell'American Psychiatric Association.

Nel Regno Unito anche compiere atti omosessuali era illegale. Nel 1967 fu parzialmente depenalizzato dalla legge sui reati sessuali, ma il "crimine gay di atti osceni" ha comunque causato condanne di massa nel corso degli anni. A quel tempo, la polizia era altamente omofobica.

Poco dopo, gli studi utilizzati per classificare l'omosessualità come una malattia mentale furono messi in discussione e ritenuti viziati, con il risultato che essa cessò di essere considerata un disturbo mentale negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Tuttavia, il crescente stigma dell’AIDS ha continuato ad alimentare pregiudizi e discriminazioni contro le persone gay.

Fu solo con la rivoluzione sessuale che l’omosessualità cominciò a essere normalizzata in tutto il mondo, insieme alla masturbazione, alla contraccezione, alla pornografia, all’aborto, al sesso prematrimoniale e a molte altre cose oggi ampiamente considerate accettabili.

Il movimento di liberazione gay ha accompagnato la rivoluzione sessuale, promuovendo il gay pride e incoraggiando le persone gay a parlare apertamente del proprio orientamento sessuale. Il momento più importante del Movimento di liberazione gay sono stati i disordini di Stonewall, avvenuti in risposta alla violenza della polizia contro la comunità gay.

La prima marcia del Gay Pride ebbe luogo nel 1970 per celebrare gli eventi delle rivolte di Stonewall. Con ogni evento importante, più città hanno ospitato la parata e nel 2019 il Pride è stato celebrato in tutto il mondo da oltre 10 milioni di persone.

Bandiere gay


La bandiera ufficiale del Gay Pride ha subito pochissimi cambiamenti dalla sua creazione nel 1978 e viene sventolata nelle marce del Pride in tutto il mondo. Più che un’icona gay, la bandiera arcobaleno è diventata il simbolo della comunità LGBTQ+.

Prima bandiera del Gay Pride (1978)

La bandiera originale a otto strisce fu sostituita l'anno successivo a causa di problemi logistici con la striscia rosa shocking, che fu rimossa. La seconda bandiera conteneva solo sette trippe.

Seconda bandiera del Gay Pride (1978-1979)

La stessa cosa è accaduta con la striscia blu-verde, e così quella bandiera è stata nuovamente sostituita dal motivo a sei strisce visto oggi nelle marce del Pride.

Attuale bandiera del Gay Pride

Simboli gay


Negli anni '70 apparvero diversi simboli della comunità gay.

Gli identificatori più comuni erano generati dai simboli di genere maschile e femminile, che erano basati sui simboli astronomici di Marte – ♂ – e Venere –♀. Il principale simbolo gay è l'unione di due segni di genere maschile - ⚣ -, e il simbolo per le donne gay o lesbiche segue la stessa logica - ⚢.

La lettera greca lambda (λ) fu usata anche come simbolo per l'Alleanza degli attivisti gay e venne associata alla liberazione gay. Nel 1974, al Congresso internazionale sui diritti dei gay, fu annunciato come il simbolo ufficiale dei diritti dei gay e delle lesbiche.

Anche molte altre cose, dai fiori agli animali, sono state associate al simbolismo gay. Questi includono viole, garofani, lavanda di rinoceronte, unicorni e la dolce pianta bandiera.

Differenze tra termini gay e altri termini


Gay e Queer


Mentre la parola gay è usata per descrivere l'orientamento sessuale di qualcuno, queer è un termine più ampio, che si applica all'identità di genere, all'identità sessuale o ad entrambe.

Queer è un termine generico utilizzato da persone che non sono eterosessuali e/o cisgender, il che significa che le persone queer possono anche essere gay e viceversa.

Gay e lesbiche


L'aggettivo gay può essere utilizzato sia da uomini che da donne, ma quando cominciò ad essere maggiormente associato agli uomini omosessuali, emerse il termine lesbica per riferirsi alle donne omosessuali.

Anche se tecnicamente sono sinonimi, la parola lesbica non si applica agli uomini. La parola gay ha anche un'applicazione un po' più ampia, poiché l'uso dell'etichetta lesbica ha senso solo se la persona si identifica come donna ed è attratta da altre donne, contrariamente alla credenza popolare.

Omosessuali ed eterosessuali


La distinzione tra persone omosessuali ed eterosessuali è stata la prima distinzione di identità sessuale ad essere fatta, e la parola eterosessuale è stata effettivamente creata per opporsi alla parola omosessuale.

Allo stesso modo, la parola gay si oppone alla parola etero, perché la prima si riferisce all'attrazione per lo stesso sesso, e la seconda all'attrazione per il sesso opposto.

Gay e bisessuale


Essendo entrambi orientamenti sessuali, il termine bisessuale si riferisce a una persona che prova attrazione sia per il proprio sesso che per il sesso opposto. Al contrario, essere gay significa essere attratti esclusivamente dal proprio sesso.

Alcune persone potrebbero effettivamente fluttuare tra le due etichette man mano che scoprono la propria identità sessuale nel tempo, oppure potrebbero effettivamente sperimentare variazioni nel loro orientamento sessuale nel corso della loro vita.

Gay e transgender


Una persona transgender è qualcuno che non si identifica con il genere che gli è stato assegnato alla nascita, rendendolo un'identità di genere.

L'essere gay, invece, è interamente legato all'identità sessuale, nel senso che le due parole si riferiscono a cose completamente diverse. Tuttavia, la stessa persona può benissimo essere transgender e gay se il genere con cui si identifica è lo stesso da cui è sessualmente attratta.

Gay e non binario


Una persona non binaria è qualcuno la cui identità di genere non rientra nel binario maschile e femminile. Poiché descrive la relazione di una persona con il proprio genere, non può essere confuso con gli interessi sessuali e/o romantici di quella stessa persona.

Poiché i termini utilizzati per descrivere gli orientamenti sessuali non sembrano corrispondere a entità non binarie, alcune persone si identificano ancora come non binarie e gay, a volte per mancanza di una definizione migliore.

Gay e pansessuale


Queste parole descrivono due diversi orientamenti sessuali, eppure potremmo dire che l'aggettivo pansessuale assorbe l'aggettivo gay. Ciò significa che se qualcuno è pansessuale, è anche gay, ma se qualcuno è gay, non è necessariamente pansessuale.

La pansessualità è un'etichetta che qualcuno usa per descrivere il fatto che è capace di provare interesse romantico e/o sessuale per qualsiasi persona, indipendentemente dal sesso. Ciò include l'attrazione per lo stesso sesso, l'attrazione per il sesso opposto e l'attrazione per entità non binarie e tutto il resto.

Gay e drag queen


Sebbene l'omofobia sia servita a promuovere l'idea che tutte le drag queen fossero uomini gay, le drag queen sono semplicemente artisti maschi che si vestono alla maniera delle donne. Travestirsi o vestirsi da drag queen non definisce in alcun modo l'orientamento sessuale o l'identità di genere di una persona.

Poiché i loro momenti di performance non definiscono la loro identità di genere, non definiscono nemmeno la loro identità sessuale. Una persona può travestirsi e identificarsi come eterosessuale, e un'altra persona può anche travestirsi e identificarsi come omosessuale.

Il travestitismo o il flirt non sono forme di espressione di genere o esempi di attrazione per lo stesso sesso; è semplicemente una performance a scopo di intrattenimento.

Gay e asessuale


Una persona è asessuale quando non prova attrazione sessuale verso altre persone. Potrebbe, tuttavia, provare attrazione romantica, e spesso solo verso specifiche identità di genere.

Sebbene l'asessualità possa essere considerata un'identità sessuale in sé, non è raro che una persona utilizzi l'etichetta asessuale pur rivendicando un orientamento romantico per se stessa. Ad esempio, se una persona è asessuale e gay, significa che prova un interesse romantico verso le persone dello stesso sesso.

Gay e aromatico


Aromanticismo è la parola che descrive le persone che non provano attrazione romantica. Molti aromantici sono anche asessuali, ma coloro che non lo sono possono comunque utilizzare un'etichetta per descrivere il genere da cui sono sessualmente attratti.

Detto questo, se qualcuno si descrive come gay e aromatico, significa che non prova interesse romantico per altre persone, ma è capace di essere sessualmente attratto dallo stesso sesso.

Gay e demisessuale


Per alcune persone, il desiderio di impegnarsi in un'attività sessuale con qualcuno arriva solo dopo aver stretto una connessione emotiva con quella persona. Questa si chiama demisessualità.

Quando una persona usa le etichette gay e demisessuale per descrivere la propria identità sessuale, sta dicendo che si sente romanticamente attratta dallo stesso sesso, ma si sentirà sessualmente interessata solo una volta costruita una relazione.

Gay e poliamoroso


A differenza dell’omosessualità, il poliamore è uno stile di vita romantico e non un orientamento in sé.

Il poliamore è l’opposto della monogamia. Quindi è uno stile di vita in cui una persona ha diverse relazioni aperte con persone diverse contemporaneamente, invece di un solo partner romantico.

Se l'orientamento della persona poliamorosa è gay, significa che è disposta ad avere diverse relazioni aperte con persone dello stesso sesso.

Gay e polisessuale


Questi due termini designano gli orientamenti sessuali, ma il secondo è più ampio del primo. Mentre essere gay significa essere attratto dallo stesso genere, essere polisessuale significa essere attratto da molti, ma non da tutti, i generi.

Sebbene la descrizione possa sembrare ridondante, una persona può definirsi polisessuale e omosessuale se ha interesse per generi diversi, compreso il proprio.

Come faccio a sapere se sono gay?


Esplorare la tua sessualità deve venire da dentro: nessuno tranne te può dirti se sei gay o no. Tuttavia, potrebbe non essere così semplice. Scoprire il tuo orientamento può richiedere tempo, pazienza e introspezione.

Forse puoi iniziare chiedendoti se sei mai stato attratto da qualcuno del tuo stesso sesso. L’attrazione può assumere molte forme, non solo sessuali. Forse solo l’idea di stare romanticamente con qualcuno dello stesso sesso è un pensiero piacevole.

A livello sessuale, puoi menzionare le tue esperienze passate, se ne hai, e pensarci. In caso contrario, forse puoi guardare l'esperienza da un punto di vista astratto e cercare di capire se è qualcosa che ti piacerebbe.

A volte tutto ciò di cui hai bisogno è pensare all'argomento e, con il tempo, le risposte dovrebbero arrivare senza sforzo. Certo, a volte può essere difficile o addirittura spaventoso, ma cerca di essere paziente con te stesso. Qualunque cosa tu faccia, non vergognarti di pensare o sentire in un certo modo.

Se lo vuoi, vai avanti e sperimenta


Quando diciamo esperimento, non intendiamo forza. C'è un momento giusto e un posto giusto per ogni cosa, e puoi aspettare l'occasione giusta o la persona giusta per sperimentare. Se questo significa che devi cercare qualcuno con cui ti senti a tuo agio, va bene lo stesso.

In ogni caso, sperimentare relazioni omosessuali dovrebbe darti un'idea migliore se fa parte o meno della tua sessualità. Tieni presente che se hai un'esperienza spiacevole con qualcuno del tuo stesso sesso, ciò non significa che tutte le relazioni omosessuali saranno negative per te.

Accetta cambiamenti e fluttuazioni


La nostra identità subisce molti cambiamenti nel corso della nostra vita e queste trasformazioni spesso coinvolgono i nostri interessi sessuali e romantici. Potresti essere meno propenso alle relazioni omosessuali in un momento della tua vita, e ancora di più in seguito.

Ciò significa anche che è possibile che tu ti sia visto avere un certo orientamento per molto tempo e che all'improvviso abbia scoperto un nuovo impulso, un nuovo desiderio di relazioni tra persone dello stesso sesso. Forse una persona specifica ha suscitato in te questa attrazione.

In ogni caso, le fluttuazioni dell’orientamento sono perfettamente normali e fanno parte del nostro sano sviluppo come esseri umani. Non siamo confusi se ci troviamo a provare cose diverse nel tempo, il che significa che essere sessualmente confusi non è poi una cosa negativa.

Accetta la curiosità


Il termine "bi-curioso" è un perfetto esempio di un sentimento molto comune di voler esplorare la nostra sessualità in modi che non abbiamo ancora considerato o compreso appieno. È salutare e liberatorio entrare in contatto con i sentimenti che ci attraggono.

Anche se scopriamo che alla fine le cose non sono andate come avevamo previsto, fa parte del processo. Mentre continuiamo a esplorare, scopriamo parti nuove e più interessanti di noi stessi, il che è sempre salutare.

In generale, più libertà diamo ai nostri pensieri e più spontanee permettiamo che le nostre azioni siano, più siamo in sintonia con la nostra identità. Di conseguenza, diventiamo individui più consapevoli, con libertà, tranquillità e felicità al nostro fianco.

Meno ci censuriamo, meglio ci sentiamo
Non lasciare che pensieri apparentemente spaventosi ostacolino la tua scoperta di te stesso. Le tue emozioni e i tuoi pensieri sono il più validi possibile, qualunque essi siano. I pregiudizi possono fungere da barriera anche nell’intimità della nostra mente.

Se glielo permettiamo! Dobbiamo solo perseverare con noi stessi e lasciare che la spontaneità prenda il posto della paura e dell'apprensione. Col tempo, anche i pensieri più insoliti possono diventare naturali e sani: è solo questione di tolleranza e prospettiva.

Accetta te stesso in entrambi i casi


È normale sentirsi confusi o disorientati. La nostra identità è un argomento complesso e può essere difficile assegnarci semplicemente delle etichette. Ricorda solo che qualunque parola usi per descrivere te stesso, sei degno di rispetto e apprezzamento.

Gay, bisessuale, eterosessuale, asessuale, pansessuale, aromatico: chiunque tu sia, sei tu; e questo basta.

Eteronormatività e omosessualità


L’eteronormatività è la convinzione che l’eterosessualità sia l’unica sessualità naturale o accettabile. È una forma di omofobia che fomenta implicitamente ed esplicitamente la discriminazione nei confronti delle persone omosessuali e della comunità LBTQ+ in generale.

Questi valori eteronormativi, promossi da molte religioni e standard morali, emarginano il comportamento non eterosessuale su argomenti che vanno dall’adozione al matrimonio, creando uno spazio veramente tossico e debilitante per gay, lesbiche, transgender e persone non sessuali binarie.

Terapie di conversione e riparazione


Dall’eteronormatività derivano le terapie di conversione e riparative, che tentano di correggere l’omosessualità o la bisessualità. La loro pratica si è rivelata non solo inefficace ma anche profondamente e plausibilmente pericolosa per il benessere psicologico e fisico del soggetto.

Quando l’omosessualità cominciò a essere screditata come disturbo mentale, questi tipi di trattamenti furono considerati non etici e quindi resi illegali in molti paesi del mondo.

L'omosessualità nei media


Anche i media svolgono un ruolo importante nel modo in cui la società percepisce la forma ideale di amore o una manifestazione accettabile di affetto. Poiché la maggior parte degli spettacoli tradizionali mancano di diversità e rappresentazione, l’omosessualità deve ancora essere normalizzata alla radio, alla televisione, al cinema e persino alla pubblicità.

Con spettacoli come Sex Education che stanno diventando sensazionali globali, gli atteggiamenti sembrano cambiare, anche tra le menti più conservatrici. Il marketing inclusivo è ormai una realtà e la pubblicità è più consapevole che mai della diversità.

Cambiamento di paradigma


Fortunatamente, con l’approvazione di leggi più accettabili in tutto il mondo, il matrimonio gay è ora legale in molti luoghi, l’adozione da parte di coppie dello stesso sesso è ora possibile e la transizione di genere è ora sponsorizzata dallo stato.

Nel complesso, si sono verificati molti cambiamenti positivi che le generazioni LGBTQ+ più anziane non avrebbero mai ritenuto possibili. Ma abbiamo fatto molta strada e, sebbene l’eteronormatività sembri prevalere intorno a noi, lentamente ma inesorabilmente pregiudizi e discriminazioni vengono superati.

Religione e omosessualità


È importante chiarire che non tutte le religioni puniscono o condannano apertamente l’omosessualità. Nonostante i valori discriminatori sostenuti da molte religioni, è sbagliato pensare che tutte le religioni siano omofobe.

Inoltre, ogni religione affronta l’argomento in modo diverso. Alcuni hanno addirittura una visione positiva dell’omosessualità e vengono spesso definiti gruppi religiosi che affermano l’omosessualità, come l’Universalismo Unitario.

L’Islam conservatore proibisce l’omosessualità e attribuisce addirittura la pena di morte all’interpretazione omosessuale della legge della Sharia. Ma anche all’interno dell’Islam è possibile trovare sottogruppi islamici che sostengono la comunità LGBTQ, ad esempio i Musulmani per i Valori Progressisti.

Altre religioni sembrano divise sull’argomento, come il buddismo e l’induismo. Tuttavia, i leader di questi gruppi religiosi si sono espressi a favore dei diritti dei gay. Sembra che la tendenza sia verso la tolleranza e l’accettazione.

È interessante notare che molti temi LGBT si trovano nella mitologia e nelle tradizioni antiche. Le mitologie delle Americhe, in particolare, includevano intensi riferimenti positivi all'omosessualità, ad esempio nelle culture Maya, Azteca, dei nativi americani e indù.

Come posso sostenere la comunità gay?


Non dare per scontato che tutti siano eterosessuali.
Al giorno d'oggi i principi sessuali veramente sani non vengono praticati da molte persone, il che può rendere difficile per molti uscire allo scoperto. È importante ricordare che solo perché qualcuno non dice attivamente di non essere eterosessuale, non significa che lo sia.

Ricordatevi di non chiedere alle donne se hanno un fidanzato o agli uomini se hanno una fidanzata, e nemmeno fare supposizioni sull'argomento. Ciò può generare un enorme senso di disagio nell'altra persona, anche se non lo esprime chiaramente.

Evitare espressioni o battute omofobe.


L'intento è irrilevante. Parole come “chochotte” e “faggot” devono uscire dal tuo dizionario quotidiano. Si tratta di microaggressioni radicate nel tuo vocabolario quotidiano che assicurano che i pregiudizi sopravvivano a lungo, indipendentemente dal vero scopo dietro le tue affermazioni.

Fingere di non voler offendere nessuno non è una scusa per usare un linguaggio discriminatorio. Una volta che ce ne assumiamo la responsabilità, prima inizieremo a praticare un discorso più inclusivo.

Difendi i diritti dei gay


Anche se non sei tra le persone LGBTQ+, prendi posizione. Fai sapere agli altri cosa pensi delle persone gay, e non solo durante il mese del Pride.

Lottare per la parità di diritti non deve essere difficile. Esprimi semplicemente la tua opinione in discussioni informali, fai uno sforzo per far sentire le persone LGBTQ+ accolte in ambienti più conservatori e promuovi principi inclusivi per coloro che ti circondano.

Preferisci parole non sessiste


Invece di chiedere a qualcuno se ha un ragazzo o una ragazza, prova a chiedergli se ha un partner. In questo modo, non fai supposizioni sulla sua sessualità e allo stesso tempo crei uno spazio sicuro in cui possa parlare della sua vita amorosa.

Invece di usare "bello per le donne" e "bello per gli uomini", dì semplicemente "attraente". Ciò elimina la pressione per soddisfare le aspettative della società e crea un complimento più sano.

Comprendi che l'espressione di genere è diversa dalla sessualità.
Se una donna si veste in modo maschile, ciò non la rende lesbica. È il fatto che dica di essere lesbica che la rende lesbica. Allo stesso modo, essere femminile non rende una donna eterosessuale. L'espressione di genere non determina gli interessi sessuali di una persona.

Comprendere la differenza tra identità di genere e sessualità ti aiuterà a imparare a rispettare l'individualità di ognuno. Le supposizioni tendono ad essere tossiche e influenzano il senso di fiducia o sicurezza di una persona.

Parole per vivere

Solo parlando apertamente possiamo creare un cambiamento duraturo. E questo cambiamento inizia con il coming out.
-DaShanne Stokes

 

A volte solo gridare non è sufficiente per mostrare orgoglio. Ci vuole più di un segno, di un outfit favoloso o di un mese di sfilate. L'orgoglio deve risuonare da dentro, irradiarsi intorno a te. Deve significare qualcosa per te e solo per te prima di annunciarlo al mondo.
-Solange Nicole

 

L’apertura mentale potrebbe non disarmare completamente i pregiudizi, ma è un buon punto di partenza.
-Jason Collins

 

Sono omosessuale. Come e perché sono domande inutili. È un po' come voler sapere perché ho gli occhi verdi.
-Jean Genet

 

Un giorno, visto il progresso, speravo che nessuno avrebbe dovuto dichiararsi gay o bisessuale. Sarebbe semplicemente quello che era, e basta. Ma non eravamo ancora arrivati.
- SE Harmon

 

La ricchezza, la bellezza e la profondità dell’amore possono essere vissute pienamente solo in un clima di completa apertura, onestà e vulnerabilità.
-Anthony Venn Brown

 

Il Pride non è una celebrazione LGBT, è una celebrazione dei diritti umani, è una celebrazione dell’uguaglianza, è una celebrazione dell’inclusione, è una celebrazione dell’accettazione.
-Abhijit Naskar

 

Non ci sarà un giorno magico in cui ci sveglieremo e potremo parlare pubblicamente. Realizzeremo questo giorno facendo le cose pubblicamente fino a quando le cose non saranno proprio come sono.
-Tammy Baldwin

 

Cose con cui una persona gay lotta ogni giorno


Far fronte alle aspettative di amici e familiari

Anche negli ambienti più accettanti, idee sbagliate sull’omosessualità o pregiudizi profondamente radicati sembrano sempre intromettersi.

Imparare a lasciare andare le aspettative degli altri, soprattutto di chi ci è vicino, è ciò che ci permette di avere veramente fiducia in noi stessi. Ma può essere un processo lungo e difficile.

Crea connessioni significative

È difficile trovare una relazione sana quando sei costantemente preoccupato di aprirti alla persona sbagliata. Anche quando si tratta di amicizie, può essere difficile trovare qualcuno che rispetti la tua sessualità.

Dal punto di vista romantico, questo diventa molto più problematico, poiché molte persone gay lottano ancora con la propria identità. Anche quando hai accettato il tuo orientamento, essere aperto alle relazioni romantiche è tutta un'altra storia.

Spontaneità...o assenza di spontaneità

L’amore è un argomento complicato, soprattutto quando la società sembra cospirare contro di te. È difficile pensare di dover nascondere le tue emozioni o limitare i tuoi affetti per evitare di attirare attenzioni negative.

Una persona gay ha lo stesso diritto alle pubbliche manifestazioni di affetto di qualsiasi persona eterosessuale: stiamo solo aspettando che il mondo si renda conto di questo fatto.

Maschio o femmina ?

La società sembra dirci che dobbiamo scegliere l’uno o l’altro, quando in realtà possiamo essere chi vogliamo. Essere un uomo più mascolino non ti rende meno gay, o essere una donna meno femminile non ti rende più gay: ti rende semplicemente quello che sei.

Dovremmo essere in grado di esprimere la nostra individualità senza riguardo ai ruoli di genere nella società. Ancora più importante, il modo in cui ci presentiamo al mondo, dal modo in cui ci vestiamo al modo in cui camminiamo, è completamente indipendente dalla nostra sessualità.

Pregiudizio e discriminazione

Essere mancati di rispetto, sentirsi non graditi, essere derisi, sentirsi palesemente discriminati... queste cose ci sono più familiari di quanto dovrebbero essere. Ed è ingiusto e crudele dover sopportare questo peso.

Pesa sulla tua autostima, sulla tua salute mentale e anche sui tuoi rapporti con chi ti circonda. Ci vuole molto coraggio e determinazione per tenere la testa alta, ma è così che dimostri al mondo che meriti di meglio.

Alla fine sei tu e questo è più che sufficiente.
Anche quando tutto sembra andare storto e hai la sensazione che nessuno ti capisca al mondo, rialzati. Hai tutto ciò di cui hai bisogno.

Qualunque siano le sfide che affronti, è importante ricordare il tuo valore. Dai valore alla tua presenza in questo mondo: a prescindere dalle avversità, è possibile trovare conforto nell'essere diversi.

Felicità, amore e successo ti aspettano, in tutte le forme. Continua ad aspettare.

Personalità gay ispiratrici

Alan Turing

Alan Turing

Il fondatore dell'informatica e crittografo che contribuì a decifrare i codici Enigma fu vittima dell'omofobia di stato nell'Inghilterra degli anni '50.

Dopo aver dato un contributo decisivo alla vittoria degli Alleati nella seconda guerra mondiale, Turing fu processato e condannato per la sua omosessualità. Di conseguenza, subì la castrazione chimica e si suicidò poco dopo, all'età di 41 anni.

Molto tempo dopo la sua morte, a seguito di un appello su Internet, il governo britannico si è ufficialmente scusato per le atrocità commesse contro di lui. L'Alan Turing Act è oggi il nome non ufficiale della grazia retroattiva concessa ai numerosi uomini condannati per la loro omosessualità nel Regno Unito.

Sally Ride

Sally Ride

Sally Ride è stata la prima donna nordamericana a volare nello spazio. Dopo essersi ritirata come astronauta, ha dedicato la sua vita ad aiutare le giovani donne a intraprendere una carriera nel campo della scienza e ha ricevuto una medaglia presidenziale della libertà.

Sebbene sia rimasta discreta riguardo alla sua vita privata, Ride era apertamente gay e ha vissuto e lavorato con il suo partner fino alla sua morte nel 2012. È ammirata da molti per il suo contributo al coinvolgimento delle donne nella scienza negli STATI UNITI.

Harvey Latte

Harvey Latte

Harvey Milk era un attivista per i diritti dei gay e uno dei primi funzionari eletti apertamente gay negli Stati Uniti. Combattendo il sistema politico dall'interno, i suoi sforzi sono noti per aver aperto la strada a un'America più tollerante e tollerante.

Il fondatore del Gay Democratic Club di San Francisco è stato assassinato da un ex collega all'età di 48 anni, ma la sua eredità sopravvive. Sulla sua vita e sul suo lavoro sono state prodotte innumerevoli biografie, articoli e persino un film importante.

Nel 2009, Harvey Milk ha ricevuto la Medaglia Presidenziale della Libertà per il suo eccezionale contributo ai diritti dei gay negli Stati Uniti. Diverse località di San Francisco sono state ribattezzate in suo onore, incluso il Terminal 1 dell'aeroporto internazionale di San Francisco.

Giacomo Baldovino

Giacomo Baldovino

Nato nel 1924, James Baldwin è considerato uno dei più grandi scrittori del XX secolo. Era apertamente bisessuale e sosteneva che l'amore non dovesse limitarsi alle etichette.

Sebbene il suo contributo riguardi principalmente i diritti civili dei neri e la discriminazione razziale, l'omosessualità è presente anche in alcuni dei suoi romanzi: La stanza di Giovanni (1954) e Appena sopra la mia testa (1978).

All’epoca non era cosa consueta che un noto autore integrasse temi così delicati nella sua opera. Normalizzando le relazioni omosessuali nella letteratura attraverso il suo prodigioso talento, ha contribuito a un cambiamento di mentalità.

Barbara Gittings

Creatrice della prima organizzazione per i diritti civili delle lesbiche negli Stati Uniti, Barbara Gittings iniziò il suo percorso di attivista negli anni '50 e lottò per i diritti delle lesbiche e dei gay, anche nei momenti di tensione tra i due gruppi.

Avendo come missione quella di sradicare l'omofobia e il bigottismo dai cuori delle persone, è considerata da molti la madre del movimento per i diritti civili LGBT e i suoi contributi sono celebrati con grande stima.

Gittings è morto di cancro al seno all'età di 74 anni, dopo aver vissuto una lunga vita insieme alla sua compagna Kay Tobin.

Oscar Wilde

Oscar Wilde

Nato in Irlanda nel 1854, Oscar Wilde è stato un drammaturgo e poeta di fama mondiale, famoso anche per essere gay quando l'argomento era molto più delicato.

Dopo essersi fatto un nome con opere immortali come Il ritratto di Dorian Gray (1891) e L'importanza di chiamarsi Ernesto (1895), dovette affrontare azioni legali a causa della sua relazione omosessuale con Lord Alfred Douglas .

In un'epoca in cui l'omofobia dominava i costumi occidentali e i diritti dei gay erano sconosciuti, l'incarcerazione di Wilde era quasi inevitabile. Dopo due anni di prigione, riposò a Parigi, dove morì di meningite acuta all'età di 46 anni.